Salta al contenuto principale
Estintori Senza Fluoro

PER LA SALVAGUARDIA DELLE PERSONE E DELL'AMBIENTE ABBIAMO REALIZZATO LA LINEA DI ESTINTORI SENZA FLUORO "FLUORINE FREE"

Di seguito vi presentiamo i nostri Prodotti e vari approfondimenti relativi al fluoro, le sostanze PFAS e l'utilizzo del fluoro nel mondo dell'antincendio

ESTINTORI SENZA FLUORO

LA GAMMA DEI PRODOTTI EMME FLUORINE FREE

L’agente Estinguente è 100% privo delle sostanze chimiche PFOS, PFAS E PFOA

FLUORINE FREE

L’agente Estinguente è 100% privo delle sostanze chimiche PFOS, PFAS E PFOA

La schiuma utilizzata come agente estinguente è facilmente biodegradabile ed ecosostenibile

RISPETTOSI DELL’AMBIENTE

La schiuma utilizzata come agente estinguente è facilmente biodegradabile ed ecosostenibile

CLASSE ABF + LITIO

CLASSE ABF + LITIO

Adatti anche allo spegnimento di batterie al litio, a seconda del modello, e incendi derivati da oli in cucina

GLI ESTINTORI 'FLUORINE FREE'

La linea di prodotti "Fluorine Free" sono i modelli di estintori portatili da 6 Litri a schiuma ABF Senza Fluoro modello 22066-91 e modello 22066-915, testato anche per lo spegnimento di incendi causati da batterie al litio con capacità 36 V, 750 W/h, 20,1 Ah.

Nei nuovi estintore la schiuma utilizzata come agente estinguente è totalmente senza fluoro, è privo di sostanze chimiche PFOS, PFAS e PFOA, è più salutare, biodegradabile, ecosostenibile e rispettoso dell'ambiente. Sono inoltre dotati di doppia certificazione, UNI EN 3-7, per uso terrestre e navale. Il processo produttivo soddisfa i controlli della EN 3-10, cosa che ci rende ancora più orgogliosi.

Estintore 22066-91 Senza Fluoro

Modello 22066-91

Estintore 6 Litri Schiuma Senza Fluoro- Classe ABF

Estintore 22066-915 Efficace su batterie al Litio

Modello 22066-915

Estintore 6 Litri Schiuma senza fluoro- Classe ABF, testato per lo spegnimento di batterie al litio

Schiumogeno senza fluoro per estintori

Codici 2594-1 e 2594-2

Schiumogeno pronto all’uso senza Fluoro (FFX 150) in flaconi da 6 litri o 25 Kg

CONTATTACI

Contattaci

Per info tecniche o commerciali vai alla sezione CONTATTI

APPROFONDIMENTI

Di seguito vi presentiamo vari approfondimenti relativi al fluoro, le sostanze perfluoroalchiliche PFAS, l'utilizzo del fluoro nel mondo dell'antincendio:


La storia del FLUORO

Il fluoro è l'elemento chimico della tavola periodica degli elementi con numero atomico 9 e simbolo F. Rappresenta l'elemento più elettronegativo della tavola periodica; è l'unico elemento in grado di ossidare l'ossigeno.

Il termine "fluoro" fu coniato da André-Marie Ampère e Sir Humphry Davy nel 1812 e deriva dai primi usi della fluorite come agente fondente. I sali di fluoro si chiamano fluoruri.

Il fluoro, in forma di fluorite, venne descritto nel 1529 da Georg Agricola per il suo uso come sostanza che favorisce la fusione di metalli o minerali. Nel 1670 Schwandhard scoprì che il vetro veniva inciso se esposto alla fluorite trattata con acido. Questo elemento non fu isolato fino a molti anni dopo, poiché quando viene separato da un composto attacca immediatamente i materiali delle apparecchiature con cui viene realizzata la sintesi.

Il 26 giugno 1886, lo scienziato francese Henri Moissan isolò per la prima volta il fluoro elementare. Moissan realizzò l'elettrolisi di acido fluoridrico anidro contenente tracce di potassio fluoruro in una cella di platino con elettrodi di platino-iridio.

Il gas nervino costituì il primo impiego di composti chimici fluorurati per scopi militari. Come molti gas velenosi, era in grado di rilasciare nell'organismo considerevoli quantità di fluoruro, provocando danni a livello cerebrale (riduzioni del quoziente d'intelligenza e ritardi mentali), depressione polmonare e cardiaca fino alla morte, se assunto in dosi eccessive.

Dalla sua scoperta, il fluoro elementare F2 non venne prodotto in grandi quantità fino alla II guerra mondiale, quando si rivelò indispensabile nell'arricchimento dell'uranio.

PFAS: cosa sono?
Che cosa è il fluoro?

Che cosa è il fluoro?

Il fluoro è un gas che condensa a −188 °C in un liquido di colore giallo-arancio e solidifica a −220 °C a dare un solido giallo, per poi tornare bianco nella fase di transizione a –228 °C.

La bassa energia di legame di una molecola di fluoro, la scarsa stabilità del legame F–F e l'elevata elettronegatività del fluoro atomico rendono il fluoro un potente gas ossidante.

È il più reattivo di tutti gli elementi: il fluoro reagisce in modo esplosivo con l'idrogeno, anche al buio e alle basse temperature. Vetro, metallo, acqua e altri materiali possono bruciare con fiamme vive se colpiti da un getto di gas fluoro. Il fluoro è sempre composto da altri elementi, soprattutto silicati, motivo per cui non può essere preparato o servito in contenitori di vetro. Poiché il calore di reazione è molto elevato, le reazioni tra fluoro puro e composti organici sono spesso accompagnate da incendio o violenta esplosione della miscela. Questa reazione è accompagnata da scissione e polimerizzazione.

Le reazioni tra fluoro e composti aromatici producono tipicamente bitume degradato, polimeri, composti insaturi instabili, derivati ​​​​del cicloesano altamente fluorurati, ma non composti aromatici. A temperatura ambiente, il fluoro reagisce violentemente con la maggior parte dei metalli per formare fluoro. Molti metalli, tra cui alluminio, rame, ferro e nichel, formano pellicole superficiali adesive e protettive composte da corrispondenti fluoruri metallici, consentendo l'utilizzo del metallo stesso per lo stoccaggio e la manipolazione del gas. Pertanto, il fluoro viene immagazzinato sotto forma di gas compresso (puro o diluito) in bombole da 40 litri ad una pressione di 30 bar. A causa del suo forte potere ossidante nei confronti dei metalli, le bombole devono essere maneggiate con cura, altrimenti il ​​sottile strato di passivazione potrebbe staccarsi e il metallo di cui è composto la bombola potrebbe incendiarsi.

Il fluoro reagisce con l'acqua e cattura un protone, formando il suo precursore (acido fluoridrico) e il bifluoruro di ossigeno OF2. In un ambiente alcalino, il difluoruro di ossigeno viene lentamente ridotto a ossigeno e fluoro.

PFAS: cosa sono?

La contaminazione da PFAS è un problema sanitario e ambientale irrisolto e fuori controllo.

In Italia, che ha i più alti tassi di contaminazione da PFAS nell’Europa continentale, i politici hanno deciso di non intervenire sulla questione nonostante il suo impatto su acqua, cibo e salute.

Queste sostanze vengono utilizzate per la loro capacità di respingere i grassi e l'acqua grazie ai loro molteplici legami di carbonio, nonché per la loro elevata stabilità e resistenza alle alte temperature. Tuttavia, questa connessione è anche la ragione della loro estrema persistenza nell’ambiente. Pertanto, sono chiamati "inquinanti eterni". Il loro utilizzo ha permesso a queste sostanze di invadere ogni angolo del globo. Sfortunatamente, anche i nostri corpi non sono immuni da questa contaminazione. Recentemente sono state rinvenute tracce di PFAS anche nell’acqua piovana. In questo caso esiste il rischio concreto di cambiamenti repentini negli ecosistemi terrestri, con conseguenze imprevedibili. Di conseguenza, i PFAS sono presenti quasi ovunque (dall’acqua al cibo, compresa l’aria). Inoltre, queste sostanze sono bioaccumulabili, ovvero una volta ingerite tendono a rimanere nel nostro organismo per lungo tempo (diversi anni). Negli esseri umani, i PFAS sono stati trovati nel sangue, nelle urine, nella placenta, nel cordone ombelicale e nel latte materno. Oggi un bambino può nascere con un segno indelebile. L’esposizione a queste sostanze può causare molti effetti negativi sulla salute, inclusi problemi alla tiroide, danni al fegato e al sistema immunitario e altro ancora. Nonostante queste evidenze, solo poche delle migliaia di sostanze appartenenti al gruppo PFAS sono regolamentate dalla Convenzione di Stoccolma. Qualcosa si muove però a livello europeo: nei mesi scorsi cinque nazioni (Germania, Paesi Bassi, Danimarca, Norvegia e Svezia) hanno chiesto agli organi comunitari di vietare l’uso e la produzione di queste sostanze.

Guida allo spegnimento di incendi provocati da Batterie al Litio
Quali sono le restrizioni sui PFAS in Italia?

Quali sono le restrizioni sui PFAS in Italia?

Nel 2014 il Ministero della Salute ha pubblicato i livelli obiettivo determinati dall’Istituto Superiore di Sanità, pari a:

PFOS 30 ng/l PFOA 500 ng/l Altri PFAS 500 ng/l

 

I PFAS in Veneto

Nel 2013, i risultati degli studi sperimentali sui potenziali inquinanti “emergenti”, condotti nel bacino del Po e nei principali bacini fluviali italiani dal Consiglio Nazionale delle Ricerche e dal Ministero dell’Ambiente, hanno evidenziato che è stata riscontrata in Italia la presenza di sostanze perfluoroalchiliche (PFAS) nelle acque sotterranee, superficiali e potabili.

Per lo studio sono stati prelevati campioni di acqua destinata al consumo umano anche in più di 30 comuni della provincia di Vicenza e zone limitrofe delle province di Padova e Verona. Le indagini evidenziano una diffusa contaminazione da sostanze perfluoroalchiliche (PFAS), in concentrazioni variabili, in alcune aree delle predette province. Le informazioni sulla presenza di queste sostanze sono riportate nel rapporto dell'Istituto di ricerca sulle acque del CNR.

L'area interessata dalla contaminazione da sostanze perfluoroalchiliche (PFAS) si estende per circa 180 chilometri quadrati in un vasto territorio compreso tra le province di Vicenza, Verona e Padova, con una popolazione stimata di circa 300mila abitanti. Su questo territorio, anche una trentina di comuni si trovano ad affrontare la contaminazione dell'acqua potabile, le cui riserve idriche sono fortemente contaminate da PFAS. Attualmente, per rispettare i limiti oggettivi fissati dalla Regione Eolie secondo le indicazioni dell'Iss, queste città a gestione centralizzata hanno dovuto dotarsi di un sistema di filtrazione a carboni attivi, un sistema molto costoso. I filtri devono essere cambiati ogni 4 mesi a scapito dell'aria condizionata. 600.000,00 euro annui.

Nella zona molte famiglie non dispongono di acquedotti e ottengono l'acqua per gli usi domestici e per l'irrigazione da pozzi privati, molti dei quali fortemente contaminati da queste sostanze. La Regione Veneto ha emanato un decreto che impone anche ai pozzi privati ​​il ​​rispetto degli stessi limiti stabiliti per l'acqua irrigua, per questo motivo è stato vietato l'utilizzo di molti pozzi privati. Nel solo comune di Sarego (Vi), dopo le analisi effettuate, il 73% dei pozzi analizzati sono risultati fuori dai limiti stabiliti e sono stati pertanto dichiarati inutilizzabili. Una situazione simile si verifica anche nelle città vicine.

PFAS: SOSTANZE NEGLI ALIMENTI

I PFAS presenti negli alimenti sono pericolosi perché contaminano l'acqua e il suolo e quindi si accumulano nel corpo umano attraverso i nutrienti.

Il loro utilizzo equivale alla proliferazione che troviamo nell’ambiente, proprio come le microplastiche.

Gli alimenti con i più alti livelli di PFAS sono difficili da separare. Queste sostanze possono essere trovate in frutta, verdura, radici e tuberi amidacei, alghe, cereali, noci, semi oleosi, alimenti per neonati e bambini piccoli, alimenti di origine animale, bevande analcoliche, vino e birra.

Dal 1° gennaio 2023 si applica il regolamento (UE) 2022/2388 che modifica il regolamento (CE) n. 1881/2006 Regolamento relativo al contenuto massimo di alcuni alimenti.

PFAS: SOSTANZE NEGLI ALIMENTI
IL FLUORO E L’ORGANISMO UMANO

IL FLUORO E L’ORGANISMO UMANO

Il fluoro non è essenziale per l'uomo o per altri mammiferi, quindi non è necessario assumerlo attraverso il cibo, tuttavia è noto che piccole dosi sono particolarmente utili per rafforzare lo smalto dei denti (dove la formazione di fluoroapatite rende lo smalto dei denti più forte). migliore resistenza). attaccati dagli acidi prodotti dalla fermentazione batterica dello zucchero), ecco perché la maggior parte dei dentifrici in commercio presentano nella loro composizione la presenza di questo elemento. Piccole quantità possono anche contribuire alla resistenza ossea, anche se in realtà si tratta di applicazioni ancora in fase di ricerca. ma quest'ultimo non è chiaramente stabilito.

 

Il fluoro per i denti

Dalla metà del XX secolo, anche se per ragioni ancora non del tutto comprese, è diventato chiaro che il fluoro ha la capacità di ridurre il rischio di sviluppare la carie. Poiché la capacità di guarigione dei denti è limitata, soprattutto nei casi di carie avanzata, il fluoro è un’arma efficace nella lotta contro la demineralizzazione. Sembra inoltre ostacolare la crescita batterica, che è invece favorita dalla presenza dello zucchero. Va però sottolineato che questo effetto è limitato all'applicazione topica (direttamente in bocca, ad esempio tramite dentifricio, gomma da masticare o compresse per bambini).

Per ridurre l'incidenza dell'acne nella popolazione, alcuni paesi hanno scelto di aggiungere fluoro salino controllato all'acqua potabile della rete idrica pubblica; negli Stati Uniti, ad esempio, l'acqua viene regolarmente fluorizzata, mentre in Italia non è stata approvata alcuna legge in materia. Sebbene ad oggi non vi siano prove di rischi o controindicazioni, e al contrario prove della sua efficacia (almeno nelle fasce meno abbienti della popolazione), la fluorizzazione dell'acqua è sempre stata considerata una questione controversa, soprattutto per ragioni etiche. Allo stesso scopo, la maggior parte dei dentifrici contiene fluoro, ad esempio sotto forma di:

Per massimizzare l’efficacia, dovresti:

E le ossa? Sebbene siano spesso menzionati anche per promuovere la salute delle ossa e prevenire/curare l'osteoporosi (stimolano la crescita degli osteoblasti, inibendo l'attività degli osteoclasti, che porta ad un aumento della massa ossea), fino ad ora la letteratura scientifica su questo utilizzo è ancora riconosciuta. permangono contraddizioni, forse anche per la brevissima durata del trattamento (a basse dosi il fluoro ha un effetto significativo sul tessuto osseo, ma in eccesso può, al contrario, provocare fluorosi scheletrica).

In caso di esposizione naturale al fluoro (in quantità normali tramite cibo, acqua e dentifricio), non esistono attualmente prove conclusive di un possibile rischio per la salute. Tuttavia, si verificano occasionalmente casi di fluorosi dentale in bambini che sono stati sovraesposti alla sostanza durante lo sviluppo, condizione caratterizzata dallo sviluppo di sottilissime linee (o macchie) bianco perlacee sulla superficie del dente; Solo nei casi più gravi si osserva una vera e propria decolorazione dello smalto dei denti. Tuttavia, queste sono possibilità relativamente remote nei paesi in cui l’acqua potabile viene continuamente monitorata (anche per i livelli di fluoro). L'ingestione di quantità estremamente elevate di fluoro (ad esempio, da prodotti dentistici o integratori alimentari) può causare nausea e vomito, mal di stomaco, diarrea, dolore alle ossa, morte in caso di avvelenamento acuto grave. Tuttavia, l’esposizione a lungo termine al fluoro può causare fluorosi scheletrica, una malattia rara che causa dolore e rigidità articolare, fragilità ossea, perdita di massa muscolare e disturbi neurologici.

 

Fluorizzazione dell'acqua

La fluorizzazione dell'acqua è il metodo per aggiungere o rimuovere ioni fluoruro nell'acqua per mantenere i livelli di fluoro e ridurre l'incidenza delle malattie dentali nella comunità. Questo metodo è utilizzato in diversi paesi del mondo ed è popolare in Nord America e Australia; In particolare, si stima che il 66% delle riserve idriche negli Stati Uniti contenga acqua fluorizzata. Tuttavia, secondo alcuni teorici della cospirazione, questa pratica viene effettuata per nuocere alla salute fisica e mentale del corpo al fine di creare abitudini e controllare la popolazione.

L’uso del fluoro per prevenire la carie è stato ampiamente discusso nell’Europa del XIX secolo, grazie alle ricerche del Dr. Frederick McKay, del Dr. F. Smith e del Dr. G. Black, che promossero l’invito alla comunità medica e odontoiatrica a aprire un ufficio in quello che allora era “Colorado Scrub”. Nel 1908, dopo aver esaminato 2.945 bambini, Smith e Black notarono che un'alta percentuale di pazienti presentava scolorimento o macchie sulle superfici dei denti. Tutti i bambini colpiti da queste placche provenivano dalla zona rurale di Colorado Springs, vicino a Pikes Peak. Nonostante queste macchie insolite, è stato riscontrato che questi bambini avevano meno carie rispetto ai bambini non affetti da questi problemi di colore. McKay riferì il problema al dentista Greene Vardiman Black, suscitando così l'interesse per il fenomeno.

Diversi studi condotti tra il 1920 e il 1930 collegarono le concentrazioni di fluoro nell'acqua alla prevenzione o all'insorgenza di malattie dentali; Questi studi hanno dimostrato che aumentando i livelli di fluoro nell’acqua si riduce l’incidenza della carie nei bambini, ma allo stesso tempo aumenta anche il numero di pazienti con denti scoloriti e ingialliti. Inoltre, per concentrazioni maggiori di circa 1 mg/L (cioè 1 ppm) all'aumentare della concentrazione di fluoro non si aveva nessuna ulteriore diminuzione dell'insorgenza della carie dentaria, per cui il valore di 1 mg/L è stato considerato come valore ottimale per quanto concerne la salute dentaria. In particolare da alcuni studi del 1931 i ricercatori conclusero che la causa del fenomeno era l'alta concentrazione (fino a 2-13,7 ppm) degli ioni di fluoro nell'acqua potabile della regione, mentre nelle zone con concentrazioni minori (1 ppm o inferiore) non risultavano casi di maculature. La causa di questa concentrazione così elevata di fluoro nelle acque è la presenza di formazioni rocciose (Peak Mountain) contenenti un minerale, la criolite, costituito principalmente da fluoruri. Le continue precipitazioni atmosferiche in questa zona hanno sciolto il minerale, trasportandolo nei fiumi della regione, arricchendo le falde acquifere di questi composti. Il dottor Greene Vardiman Black (a sinistra) e il collega McKay (a destra), mentre studiano il "Colorado Point" Poiché comporta un’elevata assunzione di fluoro, la condizione descritta da McKay è chiamata “fluorosi”.

Sono state condotte ulteriori ricerche per determinare con maggiore precisione il livello di concentrazione di fluoro che sia sicuro per la salute ed efficace nel prevenire l'insorgenza della carie. In particolare, nel 1934, uno studio su questo argomento fu condotto da Henry Trendley Dean, un funzionario del servizio sanitario pubblico degli Stati Uniti. Il suo studio sul fluoro fu pubblicato nel 1942 e comprendeva valutazioni di circa 7.000 bambini provenienti da 21 città del Colorado, Illinois, Indiana e Ohio. Lo studio ha concluso che il livello ottimale di fluoro in grado di ridurre al minimo il rischio di fluorosi grave e prevenire la carie dentale è di 1 ppm.

Fluorizzazione dell'acqua

Cosa succede nel mondo?

Il governo sudafricano sostiene ufficialmente la fluorizzazione dell’acqua potabile. In Brasile, circa il 45% delle città dispone di acqua fluorurata. Studi governativi hanno riportato tassi di carie nella popolazione che vanno dal 40 all’80%. In Cile, il 70,5% della popolazione riceve acqua fluorizzata (10,1 milioni registrati, 604.000 forniture naturali). Israele applica la fluorizzazione dal 1981: secondo i dati del 2002, più di 2 milioni di persone hanno ricevuto acqua fluorizzata (circa 1/3 della popolazione).

Nel maggio 2000, 42 città americane su 50 utilizzavano il fluoro. Secondo uno studio del 2002, il 67% degli americani consuma acqua fluorurata. Dal 2001 è stato accertato che il 75% della popolazione riceve acqua fluorizzata. Sulla base dei dati ricevuti dal CDC, la fluorizzazione dell'acqua si verifica anche nelle acque nazionali ed estere negli Stati Uniti.

La fluorizzazione si trova spesso nelle città con governi provinciali. Brantford, Ontario, è stata la prima città canadese a introdurre la fluorizzazione dell'acqua nel 1945. La città continua a fluorizzare la sua acqua fino ad oggi. La maggior parte delle riserve idriche europee non sono fluorurate. Per quanto riguarda le acque minerali, la direttiva del 2003, 2003/40/CE, richiede l'indicazione di concentrazioni di fluoro superiori a 1,5 milligrammi/litro. Tuttavia, non impone limiti alla concentrazione di fluoro che può essere presente nell'acqua commerciale. Il limite massimo raccomandato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) è di 1,5 milligrammi/litro. La Germania non consente la fluorizzazione dell'acqua potabile secondo le norme del Ministero federale della sanità tedesco. La legge tedesca consente eccezioni al divieto di fluorizzazione. La Germania condivide l’uso di sali di fluoro con Francia e Svizzera. In Italia la fluorizzazione artificiale dell’acqua non è mai stata praticata. Sebbene i medici raccomandino il fluoro per i pazienti pediatrici, attualmente non esistono leggi in materia; l'unico provvedimento è il decreto legislativo n. 2 del febbraio 2001. 31, di recepimento della direttiva dell'Unione Europea 98/83/CE. Il decreto prevede una concentrazione massima di fluoro nell'acqua potabile pari a 1,5 mg/l, in linea con quanto indicato nella direttiva. I terreni di origine vulcanica sono caratterizzati dalle più alte concentrazioni di fluoro esistenti in natura. In Italia valori sopra la norma sono stati rilevati nei comuni attorno al Vesuvio, in alcune zone del Lazio e nei Castelli Romani.

ANTINCENDIO E SENZA FLUORO

ANTINCENDIO E SENZA FLUORO

Alla fine di febbraio 2023 l'ECHA ha pubblicato un rapporto sulla situazione in cui indicava che erano ancora necessarie ulteriori consultazioni in merito agli estintori contenenti fluoro. A tal fine, a marzo è iniziato un periodo di consultazione di sei mesi, durante il quale potrete contribuire con ulteriori punti di vista e idee pertinenti. Pertanto non ci sono ancora risultati chiari riguardo alle fasi di transizione, sostituzione o phasing out. La proposta finale di restrizione dovrebbe essere presentata all’ECHA nel gennaio 2023. Paesi europei come Danimarca, Germania, Paesi Bassi, Norvegia e Svezia stanno implementando principalmente restrizioni su tutti i PFAS, che riguardano anche le schiume antincendio attualmente in uso.

 

PFAS – Il veleno sottovalutato del secolo

È difficile immaginare prodotti di consumo privi di PFAS, date le loro proprietà impermeabili, resistenti al grasso e allo sporco. Ma solo negli ultimi anni sono emersi i rischi legati a queste sostanze, considerate persistenti, dannose per la salute e per l’ambiente. I PFAS possono causare molte malattie croniche e sono sospettati di essere cancerogeni. Alcuni di questi fluoruri sono vietati da molti anni. Tuttavia, a causa di questi risultati inquietanti, sono in corso sforzi per limitare tutti i PFAS. Se possibile, dovrebbero essere utilizzati prodotti alternativi.

 

L’UE vieta il PFOA

L’acido perfluoroottanoico (PFOA) sarà vietato nell’UE a partire dal 2020. Il PFOA non si decompone nell'ambiente e si è diffuso in tutto il mondo. Questa sostanza chimica è tossica per l'uomo e causa danni riproduttivi. Ancora più importante è che ora siamo riusciti a vietare il PFOA. La proposta originale di divieto è stata avanzata dall'Agenzia federale per l'ambiente in collaborazione con la Norvegia.

Il divieto regola la produzione, l'uso, la commercializzazione e l'importazione di ⁠PFOA⁠, sali e dei loro derivati ​​degradabili di ⁠PFOA⁠, noti anche come composti precursori. Il PFOA ed i suoi precursori sono caratterizzati da proprietà molto specifiche. Conferiscono alla superficie proprietà repellenti all'acqua, all'olio e allo sporco e vengono quindi utilizzati in vari modi, ad esempio per la finitura dei tessuti e la finitura della carta. Sono spesso contenuti anche nelle schiume antincendio utilizzate per estinguere gli incendi liquidi. Lo svantaggio è che, a causa dei suoi molteplici usi, il PFOA si è diffuso in tutti i comparti ambientali. Il PFOA è estremamente stabile e non si degrada nell'ambiente. È così che si accumula negli esseri viventi. Effetti negativi del PFOA sono stati osservati anche nell'uomo: il PFOA è dannoso per la riproduzione e ha effetti epatotossici. Le persone ingeriscono il PFOA attraverso cibo, aria, polvere o acqua potabile contaminati. Secondo il regolamento europeo sulle sostanze chimiche ⁠SCOPE⁠ Su iniziativa dell'Agenzia federale dell'ambiente, il PFOA è stato identificato nel 2013 come una sostanza chimica di particolare preoccupazione e aggiunto all'elenco dei candidati REACH.

Molte aziende si sono rivolte ad alternative. Coloro che utilizzano ancora PFOA e precursori possono approfittare del periodo di transizione fino al 2020 per utilizzare sostanze più rispettose dell’ambiente. Ma l’Agenzia federale per l’ambiente avverte: altre sostanze chimiche perfluorurate e polifluorurate (⁠PFC⁠) possono essere altrettanto dannose. I PFC a catena corta hanno una durata di conservazione simile al PFOA e possono facilmente inquinare i corsi d’acqua a causa della loro mobilità: non sono quindi sostitutivi del PFOA. Diverse autorità europee, tra cui l'Agenzia federale dell'ambiente, stanno attualmente valutando questa cosiddetta chimica C6 o C4. Le autorità hanno trovato tali PFC a catena corta nelle acque sotterranee di Rastatt, nel Baden-Württemberg. Le fontanelle furono chiuse.

Oltre al PFOA, nell’UE sono disponibili molte altre sostanze chimiche perfluorurate e polifluorurate. L’Agenzia federale per l’ambiente, insieme alla Svezia, sta attualmente sviluppando proposte di restrizioni sui PFCA C9-14, che sono acidi perfluorocarbossilici con una catena di carbonio da 9 a 14 atomi. Come per la restrizione sul PFOA, anche in questo caso i composti precursori dovrebbero essere vietati. Si prevede che la Germania presenterà un progetto di divieto all’Agenzia europea per le sostanze chimiche nell’autunno del 2017.

Ulteriori informazioni sulle restrizioni PFOA: Se il PFOA, i suoi sali o i composti precursori sono inclusi come componente di un'altra sostanza, in una ⁠miscela⁠ o ⁠prodotto⁠, come quelli utilizzati negli spray impermeabilizzanti, nei prodotti tessili e negli imballaggi alimentari, un valore limite di 25 ⁠ppb⁠ (corrispondente a 25 µg/l) per il PFOA e i suoi sali e 1000 ppb (1000 µg/l) per i composti precursori.

 

LA SCHIUMA SENZA FLUORO

I primi esperimenti con schiuma priva di fluoro risalgono agli anni ’20, ma la proliferazione della plastica e dei combustibili fossili ad alto contenuto energetico richiedeva livelli più elevati di resistenza al fuoco. I tensioattivi al fluoro, scoperti negli anni '60, confermano questa affermazione con l'odierna schiuma AFFF, che spegne gli incendi di classe B rapidamente ma non senza problemi. È infatti riconosciuto che le sostanze contenute in questa schiuma hanno un impatto negativo sulla salute. Stiamo parlando di PFOA e PFOS presenti nei prodotti in schiuma di carbonio a catena lunga resistenti alla degradazione naturale. Le prime restrizioni dell’UE sono iniziate nel 2009 con la Convenzione di Stoccolma che vietava i PFOS e i relativi sottoprodotti. Da luglio 2020 non sono più consentite concentrazioni superiori a 25 ppb.

Ora che anche i PFAS a catena corta sono oggetto di ricerca, i cosiddetti C6 ed sono specificatamente formulati per renderli ancora più compatibili con l’ambiente. Per quanto riguarda la schiuma priva di fluoro, nel 2000 i vigili del fuoco hanno iniziato un'intensa ricerca per una schiuma che avesse un minore impatto ambientale e prestazioni simili alla schiuma AFFF. Il primo successo, infatti, di una schiuma senza fluoro fu sviluppato da Ted Schaefer che lavorava per la 3M il 16 Maggio del 2000. Soddisfa gli standard ICAO, in particolare per le prestazioni statunitensi. Successivamente, Thierry Bluteau insieme a BIO-EX ha sviluppato la prima schiuma 100% priva di fluoro nel 2002, portandola agli standard europei di sicurezza antincendio con resistenza al calore e ai solventi polari, elevate prestazioni estinguenti e resistenza al fuoco.

 

Sostanze chimiche nella schiuma antincendio: l'ECHA concorda con la restrizione progressiva

Il comitato di analisi socioeconomica (SEAC) dell'ECHA ha adottato un parere finale a sostegno del divieto graduale delle sostanze per- e polifluoroalchiliche (PFAS) nelle schiume antincendio. Questa restrizione potrebbe ridurre le emissioni di PFAS nell’ambiente di circa 13.200 tonnellate in 30 anni. Nel marzo 2022, l’Agenzia europea per le sostanze chimiche ha proposto una restrizione a livello dell’UE su tutte le sostanze per- e polifluoroalchiliche (PFAS) nelle schiume antincendio. Questa restrizione eviterà una maggiore contaminazione delle falde acquifere e del suolo, nonché rischi per la salute umana e l’ambiente.

Tuttavia, in termini di restrizioni proposte sulla commercializzazione, l’uso e la formazione di PFAS nella schiuma antincendio, SEAC raccomanda che prima della fine del periodo di transizione di 10 anni siano disponibili alternative che non contengano fluoro per i siti in cui vengono prodotte sostanze pericolose, trattati o conservati (disciplinati dalla direttiva Seveso) e siti adiacenti. Allo stesso modo, è necessaria una revisione per l’utilizzo degli impianti offshore nell’industria del petrolio e del gas, per i quali la SEAC raccomanda di estendere il periodo transitorio da cinque a 10 anni. La Commissione ritiene che queste valutazioni siano importanti per mantenere la sicurezza nei luoghi in cui gli incendi possono avere impatti significativi sull’ambiente e sulla salute umana.

SEAC consiglia anche questo tipo di estensione: il periodo transitorio per l'utilizzo della schiuma nei trasporti civili è compreso tra tre e cinque anni sull'immissione sul mercato di determinati tipi di estintori portatili entro un periodo compreso tra 6 e 18 mesi. L’obiettivo è garantire che alla fine del periodo di transizione siano disponibili alternative tecnicamente adeguate senza fluoro.

A seguito dell'adozione del parere del SEAC, l'ECHA si prepara a proporre restrizioni alla Commissione Europea. La Commissione deciderà poi se è necessario limitare l'uso di queste sostanze. In questo caso, presenteranno una proposta per modificare l'elenco delle restrizioni nell'allegato XVII del regolamento REACH. La proposta sarà votata dagli Stati membri dell’UE nel comitato REACH e esaminata dal Parlamento europeo e dal Consiglio prima di essere adottata.

Nel marzo 2022, l'ECHA ha studiato i rischi per l'ambiente e la salute posti dall'uso dei PFAS nelle schiume antincendio su richiesta della Commissione europea. L’agenzia ha concluso che una restrizione a livello europeo sarebbe giustificata perché i rischi posti dai PFAS non sono attualmente adeguatamente controllati e le emissioni devono essere ridotte al minimo. La schiuma antincendio contenente PFAS ha causato molti casi di contaminazione ambientale nell'UE, sia nel suolo che nell'acqua potabile. Tutti i PFAS o i loro prodotti di degradazione sono altamente persistenti e alcuni sono noti per essere dannosi per la salute umana o per l’ambiente. La combinazione di sostenibilità e potenziale pericoloso significa che è importante ridurre al minimo ulteriori rilasci di queste sostanze per ridurre la probabilità di danni irreparabili in futuro.

L’ECHA ha valutato i vantaggi e gli svantaggi di cinque diversi approcci al controllo dei rischi PFAS nella schiuma antincendio. L’alternativa proposta vieterebbe la commercializzazione, l’uso e l’esportazione di tutti i PFAS contenuti nella schiuma antincendio dopo l’uso o durante i periodi di transizione specifici del settore. Questi periodi di transizione daranno al settore il tempo necessario per sostituire le schiume contenenti PFAS senza compromettere la sicurezza antincendio. Durante il periodo di transizione, coloro che utilizzano ancora la schiuma a base di PFAS dovranno garantire che le emissioni ambientali siano mantenute al minimo. Anche la schiuma scaduta e tutti i rifiuti di schiuma devono essere smaltiti correttamente.

LA SCHIUMA SENZA FLUORO
Gli agenti estinguenti

Gli agenti estinguenti

La schiuma è un ottimo agente estinguente per gli incendi di classe A e B materiali solidi e liquidi.

Gli agenti schiumogeni si dividono in:

• Agente schiumogeno sintetico

• Agente schiumogeno al fluoro sintetico

• Schiuma universale

• Agente schiumogeno esente da fluoro

Agente schiumogeno sintetico: Si tratta di schiume ottenute sintetizzando tensioattivi e sostanze sintetiche Stabilizzatori. La schiuma creata è compatta e liscia, adatta a tutti i soggetti tipo di espansione (bassa, media, alta). Sono adatti per l'uso in caso di incendio idrocarburi e liquidi infiammabili.

Agente schiumogeno al fluoro sintetico: Si tratta di schiume create combinando tensioattivi fluorurati con tensioattivi Sintetico, stabilizzato per migliorare le proprietà tecniche, in soprattutto la dolcezza. Si chiamano schiume a film d'acqua Schiumogeni (AFFF)” perché durante la fase di drenaggio formano una “pellicola” liquida. per separare carburante e ossidante. Utilizzato a livelli di espansione medio-bassi, sono adatti per interventi rapidi su vaste aree.

Chiamati AFFF AR, questi sono tipi comuni di schiuma che possono essere utilizzati per la lotta antincendio. idrocarburi e alcol. Possono essere utilizzati a livelli di espansione bassi e medi incendi nell’industria petrolchimica (acetone, alcool, vernici) Ma come si comporta esattamente la schiuma durante il processo di scarico vero e proprio?

La struttura della schiuma, come abbiamo accennato, è creata da tipologie di miscele attive acqua-aria-schiumogena Caratterizzazione del concentrato iniziale e della miscela. In questo modo possiamo avere risultati diversi.

Il rapporto tra soluzione schiumogena concentrata e acqua consente di generare schiuma. È possibile generare schiuma. Ogni agente schiumogeno deve essere adattato al rispettivo ugello.

 

Qual è il contenuto di fluoro negli estintori a schiuma convenzionali?

Le sostanze fluorurate conferiscono agli agenti estinguenti a schiuma eccellenti proprietà filmogene e ne aumentano significativamente l'efficacia nell'estinzione degli incendi, soprattutto quelli di classe B (incendi di liquidi). Tra il liquido e la schiuma si forma una pellicola molto sottile. Nell'incendio A, i fluorosurfattanti possono ridurre la tensione superficiale molto più di altri additivi nella schiuma concentrata. Ciò consente alla schiuma di penetrare meglio e più rapidamente nelle strutture sottili.

Inoltre, i fluorosurfattanti assicurano che la schiuma concentrata abbia un effetto idrorepellente nei liquidi.

Vantaggi: il film liquido è più stabile, duraturo e infrangibile.

Queste proprietà consentono di impedire efficacemente la fuoriuscita di gas liquidi infiammabili. I composti fluorurati appartengono al gruppo dei PFAS.

 

Divieto di utilizzo dei PFAS nelle schiume antincendio

I PFAS sono sostanze che nel corso degli anni hanno attirato l'attenzione di molti soggetti normativi. Dal settore alimentare a quello ambientale, l'uso dei PFAS è sempre più regolamentato.

I PFAS sono un gruppo di migliaia di sostanze ampiamente utilizzate in molti settori. Una caratteristica particolare di queste sostanze è che sono altamente persistenti sia negli organismi viventi che nell'ambiente.

Sono molto preoccupanti per i consumatori.

Molte di queste sostanze sono già state vietate o limitate in molti Paesi europei e non solo. Alcuni Paesi stranieri ne hanno vietato del tutto l'uso nei materiali di imballaggio. La Danimarca ne ha già vietato l'uso nella carta per alimenti da tempo.

L'agenzia europea ECHA ha proposto di vietare la vendita, l'uso e l'esportazione dei PFAS nelle schiume antincendio nell'ambito della sua campagna per la protezione della salute umana.

Il documento di limitazione pubblicato il 23 febbraio 2022 evidenzia che non è possibile gestire adeguatamente gli impatti causati dall'uso dei PFAS nelle schiume antincendio.

La proposta è di imporre un limite di 1 ppm per i PFAS nella schiuma antincendio.

Sono inoltre previsti diversi periodi di transizione, come segue:

- Per i vigili del fuoco municipali, 18 mesi, tranne nel caso in cui siano anche responsabili di incendi industriali in stabilimenti che rientrano nella direttiva Seveso.

Per i vigili del fuoco municipali, 18 mesi, tranne nel caso in cui siano competenti anche per gli incendi industriali in stabilimenti coperti dalla Direttiva Seveso;

- Per le navi civili, tre anni.

- 5 anni per gli estintori portatili;

- 10 anni per gli stabilimenti che rientrano nella Direttiva Seveso;

- 5 anni per altri usi.

L'ECHA ha dichiarato che sarà aperto alle osservazioni per un periodo di sei mesi a partire dal 23 marzo 2022. C'è quindi ancora molta strada da fare prima della decisione finale, prevista per il 2023, quando il SEAC esprimerà il suo parere, mentre il RAC esprimerà il suo parere già alla fine del 2022. Tuttavia, è bene monitorare la consultazione e iniziare a pensare ad alternative ai PFAS praticabili, più sicure e altrettanto performanti.

 

Smaltimento schiume con fluoro e PFAS

Normativa vigente sul PFOA, in vigore da luglio 2020:

- 1.Regolamento (E1U) 2017/1000 sul PFOA, i suoi sali e le sostanze correlate.

- 2.Regolamento (E1U) 2020/784: inserimento del PFOA nell'allegato I del regolamento (UE).

- Regolamento (E1U) 2020/784 sugli inquinanti organici persistenti: inserisce il PFOA nell'Allegato I del Regolamento (UE).

L'esenzione precedentemente valida per gli agenti estinguenti a schiuma non è più valida.

Il PFOA e i suoi precursori non possono essere prodotti o immessi sul mercato dell'UE. A partire da questa data, le miscele o i prodotti possono contenere:

- PFOA fino a 25 ppb (= 0,025 mg/kg)

- Fino a 1000 ppb (1 mg/kg) di tutti i precursori in totale.

 

Fino al 4 luglio 2025, l'uso del PFOA, dei suoi sali e dei composti correlati al PFOA negli agenti estinguenti di classe B è consentito solo se utilizzato in apparecchiature contenenti agenti estinguenti mobili.

L'uso del PFOA, dei suoi sali e dei composti correlati al PFOA negli agenti estinguenti di Classe B è consentito nelle apparecchiature mobili (compresi gli estintori) e fisse.

Solo per l'uso in applicazioni mobili (compresi gli estintori) e fisse alle seguenti condizioni

- Non per l'uso a scopo di addestramento

- Per l'uso a scopo di test solo se tutte le quantità rilasciate vengono raccolte.

- Dopo il 2023, l'uso sarà limitato ai casi in cui tutti i volumi rilasciati possono essere recuperati.

In pratica, l'uso negli estintori è quasi impossibile.

 

Dopo il 5 luglio 2025, l'uso della schiuma antincendio soggetta al regolamento non sarà più consentito.

L'uso della schiuma antincendio soggetta al regolamento non sarà più consentito. Il prodotto deve essere smaltito come rifiuto pericoloso.

- Le quantità di stoccaggio superiori a 50 kg devono essere segnalate.

- Il divieto si applica ai prodotti stoccati nei locali.